Su Il luogo comune

Il Luogo comune è un libro sui nostri luoghi, quindi sulla nostra natura. Più che su ciò che abbiamo, è soprattutto su ciò che abbiamo perso, o peggio, su ciò che pensiamo di avere non avendolo più. È un libro che a che fare con la visione più che con il ricordo, nel momento in cui si prende atto dell’accaduto. Non ha a che vedere nulla con la nostalgia.