Prometeo

La differenza tra noi e loro è il tempo, e al tempo che non è di Dio ma è Dio noi abbiamo sovrapposto il nostro. Il “nostro” tempo nasce prima ancora dal voler rendere possibile l’organizzazione sociale, da megalomania…
Dimenticato Prometeo.

nota sull’abitudine

Abituarsi è assopire la percezione di elementi stridenti – il ritorno in Germania dopo l’Indonesia – la luce tenue e lenta… il sole che non scende mai, il verde così austero degli alberi – e le mie mani che non riescono a scrivere sul portatile – due giorni di estraneità, prima del ricomporsi – fisiologico – della cecità…

[in Indonesia, a Tetebatu]

Domare il cavallo. Visione di un uomo in un campo di terra battuta. Lotta faticosa con l’animale. Per ottenere un risultato nel reale bisogna sempre spingere e forzare. Nulla avviene senza spinta. Piegare il collo. Assecondare.

[in Indonesia, adattamento della favola dei 3 porcellini]

Il primo dei tre fratellini voleva spendere poco tempo e denaro e preferiva stare tutto il giorno a suonare la chitarra sulla spiaggia della baia. Si era limitato a costruire una capanna di bambù e di foglie di palma.

Il secondo, che aveva volontà e qualche soldo in più, aveva costruito una casetta di mattoni.

Il terzo era il più ricco dei fratelli e il suo prestigio tra i membri del villaggio cresceva giorno dopo giorno. Aveva fatto portare pietre e legno cesellato dall’isola di Java, tegole rosse da Bali e costruito la più mirabile casa della zona.

Ma una sera come le altre, nella quale tutti i fratelli si trovavano a cena beatamente riparati sotto il loro tetto, arrivò il terremoto. Fu il terremoto più violento che si ricordi e non risparmiò cosa alcuna.

Dei tre porcellini, l’unico a salvarsi fu quello che aveva costruito una capanna anzichè una robusta casa e cioè il meno previdente e il più amante della vita: sulla sua testa piovvero leggere foglie di palma anzichè tegole e mattoni.

[in Indonesia, a Gili Meno]

Le nuvole sono posate su una linea immaginaria sopra l’orizzonte. C’è quindi uno spazio distinto, la cui cornice è una geometria di pressioni e vapori invisibili, sul quale sono sospese le nuvole… Uno spazio che inaugura qualcosa.